208
Copyright © testi e immagini - Dr. Enzo Boncompagni, Cardiologo - Italy   
All rights reserved

Milza


 

Vecchio proverbio toscano:
la saggezza di campagna suggeriva che la splenomegalia*
può essere segno di malattia.

°°°°°°°°°°°°°°°

CONSIDERAZIONI GENERALI

CHE COS'E' LA MILZA ? [840]

1 - E' una riserva di sangue.
2 - E' un filtro del sangue.
3 - E' un organo di pulizia.
4 - E' anche un organo di “polizia”, con la sua attività immunitaria.


A CHE SERVE LA MILZA ?

   In caso di necessità, è una riserva di globuli rossi concentrati. Provvede alla distruzione di globuli rossi vecchi. per mezzo di cellule particolari, e, con le stesse cellule, i macrofagi, ci difende da microrganismi estranei.


SI PUO' VIVERE SENZA ?

   Naturalmente è meglio averla, ma si può vivere anche senza, perchè, in sua assenza, le sue funzioni vengono svolte in altre parti del corpo da strutture analoghe.


LOCALIZZAZIONE E FUNZIONE

   La milza, per il suo tipo di struttura e per la sua funzione, è più una riserva di globuli rossi che di sangue in toto. Inoltre provvede a riutilizzare l'emoglobina e il ferro e attraverso il sangue tutto ritorna al midollo osseo per la produzione di nuovi globuli rossi. Alla milza, nella regione dell'ilo [836], arriva l'arteria splenica e riparte la vena splenica, come in ogni organo del corpo umano.


STRUTTURA DEL LOBULO SPLENICO


Cpyright - Dr. Enzo Boncompagni, MD - All rights reserved


    Nella immagine [840], qui sopra riportata per comodità di consultazione, che rappresenta schematicamente un lobulo epatico, vediamo l'arteria splenica che entra e si arborizza nelle piccole arterie (rosso). Queste poi, come al solito, continuano nelle vene (blu), ma non come in quasi tutti gli altri distreti dell'organismo. Infatti le piccole vene, prima di ripartire confluendo nella vena splenica, formano dei piccoli "laghetti" (blu), che, nel disegno, sono tappezzati di tanti piccoli puntini (gialli). Questi sono i macrofagi, allieati sulle pareti interne del "laghetto" , pronti alla loro funzione di distruzione di globuli rossi vecchi e di quanto altro debba essere distrutto. Interessante osservare che il sangue, quando entra in questi "laghetti" necessariamente rallenta, dando così più modo e tempo ai macrofagi di svolgere la loro funzione.
    Poichè i capillari splenici arteriosi hanno molte piccole aperture (fenestrature), i globuli rossi passano, in parte, andando a costituire la polpa rossa (puntini rossi in campo bianco). Nello stesso modo i globuli bianchi passano dalle stesse piccole aperture per andare a costituire la polpa bianca (puntini rosso scuro in campo verde). E' come se alcune divisioni militari fossero pronte per la difesa: che significa in questo caso, pronto ingresso dei globuli bianchi nel sangue per "combattere il nemico.


QUANTO SANGUE CONTIENE?

   La caspula della milza ha anche fibre elastiche, e quindi l'organo si può contrarre e rilasciare, entro certi limiti. Normalmente contiene circa 350 cc. di sangue, ma per tale tipo di struttura può espandersi fino a contenere 2000 cc. e contrarsi fino a contenere soli 100 cc.


FUNZIONI DELLA MILZA [839]:

1 - Difesa
2 - Distruzione di globuli rossi vecchi e piastrine
3 - Ematopoiesi*
4 - Riserva di sangue

DIFESA

   Quando il sangue passa attraverso i sinusoidi della milza, i macrofagi [838] che sono allineati sulle loro pareti rimuovono i microrganismi da sangue, e li distruggono con la fagocitosi.

DISTRUZIONE DI CELLULE DEL SANGUE

   I macrofagi allineati nei sinusoidi capillari rimuovono i globuli rossi esausti [838] e anche le piastrine imperfette. Inoltre provvede a riutilizzare l'emoglobina e il ferro e attraverso il sangue tutto ritorna al midollo osseo per la produzione di nuovi globuli rossi. Inoltre, una volta distrutti i globuli rossi non più funzionali, provvede a riutilizzare l'emoglobina e il ferro e attraverso il sangue tutto ritorna al midollo osseo per la produzione di nuovi globuli rossi.

EMATOPOIESI*

   Alcuni tipi di globuli bianchi (monociti e linfociti) completano il loro sviluppo e sono attivati nella milza. Prima della nascita la milza contribuisce alla formazione di globuli rossi [837] , dopo la nascita solo in condizioni di emergenza.Nella seconda parte della vita fetale essa contribuisce alla produzione di globuli rossi

RISERVA DI CELLULE DEL SANGUE

   La milza, per il suo tipo di struttura e per la sua funzione, è più una riserva di globuli rossi che di sangue in toto. La polpa rossa è il maggior componente della milza. . La polpa bianca consiste di grappoli di globuli bianchi di difesa specializzata: i linfociti B e i linfociti T.


LA MILZA COME RISERVA DI SANGUE

   La polpa rossa della milza e i sinusoidi della milza contengono sempre una quantità notevole di sangue: 350 cc. In caso di emergenza circa 200 cc. possono essere immessi in circolo, immediatamente.

Riserve di sangue nel corpo umano [841][]:
1 – La Milza – 100 ml
2 – Il Fegato – 200 ml
3 – Le grandi vene addominali – 300 ml
4 – Il plesso venoso sotto la pelle – 200 ml
5 – Il cuore – 50 ml
6 – I polmoni – 150 ml

La milza ha due sedi di riserva per il sangue:
1I seni venosi, estensibili
2 – La polpa


ATTIVAZIONE DELLA FUNZIONE DI RISERVA DI SANGUE

   Il 60% del sangue è contenuto nelle vene. Per questo motivo e per il fatto che le vene sono molto estensibili, è stato detto che le vene sono una “riserva di sangue” del corpo umano.

   Quando una parte del sangue viene perduto dal corpo, si realizza subito un meccanismo di compenso. I barocettori carotidei [] trasmettono segnali riflessi del sistema nervoso simpatico, che attiva una costrizione delle vene. Queste rilasciano coì immediatamente una quantità di sangue in tutto il circolo, e per questo motivo il corpo umano può perdere anche il 20% della sua quantità di sangue continuando a funzionare quasi normalmente.

   Nella polpa splenica i capillari hanno molte piccole aperture e così il sangue può filtrare continuamente nella massa reticolare che costituisce la polpa rossa [840]. I globuli rossi rimangono intrappolati e il plasma filtra e ritorna nelle vene e quindi nel circolo generale. Pertanto la polpa splenica rossa è una speciale riserva di globuli rossi, pronta ad essere utilizzata in seguito a stimolazione simpatica. Negli animali questa riserva è maggiore che nell'uomo, ma anche nell'uomo è presente nella misura di 50 ml di glubuli rossi concentrati. Se, in seguito a necessità, vengono immessi inncircolo, possono far elevare l'ematocrito di 1-2 punti. C'è anche, nella struttura della milza, la polpa bianca [840], che è un “concentrato” di globuli bianchi. Questi sono pronti ad essere immessi in circolo in caso di necessità di difesa da infezioni e fanno parte quindi del sistema immunitario. Per questo la polpa bianca [840] è situata intorno alle arterie come un collare: per far sì che i globuli bianchi possano subito entrare in circolo. I globuli rossi che arrivano nella polpa rossa e poi nei seni venosi sono sottoposti ad energica spremitura. Per tale motivo i globuli rossi più vecchi (vita media 120 giorni) e più deboli vengono distrutti. Tuttavia l'emoglobina e i rsidui cellulari nonnvanno perduti, perchè le cellule reticoloendoteliali della milza recuperano questo materiale che arriverà al midollo che lo utilizzerà per formare nuovi globuli rossi.

   Le cellule reticoloendoteliali, nella milza, sono allineate nei seni venosi [840], pronte ad entrare in azione per eliminare detriti, batteri, parassiti, ed ogni materiale estraneo, inutile e aggressore. Per questo motivo, in caso di molte infezioni la milza ingrandisce (splenomegalia*), proprio come accade a una ghiandola linfatica impegnata nello stesso modo a combattere un'infezione. E per questo la milza è analoga a una ghiandola linfatica: solo che nella ghiandola linfatica scorre la linfa, mentre nella milza scorre il sangue.



Work in progress...